Valdimir Ghika , un martire romeno del XX secolo

Il prossimo 17 maggio saranno passati 49 anni dalla morte in carcere di Valdimir Ghika, che Papa Francesco ha deciso recentemente di elevare a Servo di Dio, primo passo verso la beatificazione. La vita di questo sacerdote romeno è molto simile a quella vissuta da molti esponenti della Chiesa del Silenzio durante i regimi totalitari del XX secolo nell'Europa Orientale. Vladimir Ghika . La famiglia di Vladimir è molto antica , originaria dell'Epiro e di ascendenze arumene, all'epoca della dominazione ottomana dell'europa orientale i componeti di questa famiglia si trasferisco in Valacchia e Moldavia ( da intendersi come regione storica della Romania ) tra la fine del XVII e gli inizi del XVIII. Sotto l'amministrazione turca, la famiglia acquista un prestigio tale da ricopriere numerosi incarichi , tra i membri celebri di questa casata si può ricordare ad esempio, Alessandro principe di Valacchia e il Primo Minsitro Ion Ghica fondatore , tra l'alto, del movimento patriottico risorgimentale Fratellanza e della rivista Progresso. Vladimir Ghika, nato nel giorno di natale del 1873 a Costantinopoli (Istanbul) era dunque uno dei tanti esponenti di questa nobile famiglia , cresciuto nella fede cristiano ortodossa , viene mandato a compiere gli studi a Tolosa in Francia , nazione dalla quale era legato essendo la madre di origine francese. . Nel 1895 prosegue gli studi universitari a Parigi . Prima di rientrare in Patria, Valdimir, si reca a Roma per studiare presso il collegio Angelicum e per approfondire gli studi in teologia. . Lo scoppio della prima guerra mondiale non frena la sua passione religiosa e sociale e sarà tra coloro che maggiormente si daranno da fare per soccorre i prigionieri militari della Transilvania che giungevano in Italia . Sarà proprio durante gli anni di permanenza a Roma che Vladimir decide di passare alla Chiesa Cattolica ma non semplicemente come fedele ma come sacerdote e il 7 Ottobre del 1923 dopo ulteriori studi viene consacrato sacerdote a Parigi . La preparazione culutarale e la formazione familiare non passano inosservati in Vaticano e il 13 Maggio 1931 Papa Ratti lo nomina Protonotaio Apostolico in diversi Paesi come il Giappone , la Cina e il Sud America .

Mentre in Europa i venti della seconda guerra mondiale sembrano all'orizzonte Padre Ghika, elevato nel frattempo a rango di Monsignore, decide di ritornare in Romania per essere vicino nell'ora della guerra ai suoi compatrioti. . In questi anni si distingue per l'aiuto ai malati ed ai bisognosi senza fare differenze di nazionalità o religione attirandosi anche numerosi nemici tra i sostenitori del Maresciallo Antonescu.

La caduta del regime filo nazista romeno non è portare di buone nuove , per la Romania, che al pari di altri Paesi dell'Europa orientale , viene assegnata dai vincitori all'influenza sovietica . Nel 1947 dopo la forzata abdicazione di Re Michele e la sua partenza per l'esilio inizia il periodo più duro per la Chiesa Cattolica in Romania. Sono gli anni delle nazionalizzazione, della collettivizzazione forzata e del tentativo da parte delle autorità comuniste di staccare i cattolici romeni di rito latino e creare una chiesa nazionale dipendente dalla Stato, gli anni della cancellazione della chiesa greco – cattolica e della lotta senza fine alla religione.

In questo scenario , Mons Vladimir Ghika, si dimostra prima di tutto missionario, e non dimentica di pregare e parlare , anche pubblicamente in difesa dei tanti sacerdoti che vengono man mano catturati ed imprigionti, continua ad assicurare, lui sacerdote di rito latino anche l'assistenza spirituale ai fedeli greco cattolici rimasti privi di vescovi e preti. Lotta contro le incarcerazioni arbitrarie anche dei sacerdoti ortodossi che si oppongono al nuovo regime . Questa sua opposizione è notata dalla polizia politica che dopo nuemerosi mesi di osservazione lo arresta il 18 novembre 1952 con l'accusa di alto tradimento . Nonstante i lunghi interrogatori e le torture subite non rinuncerà mai alla sua fede e alla fedeltà alla Santa Sede . Questa sua determinazione la porterà avanti come un martire del XX secolo fino al 16 maggio 1954 giorno della sua morte.



Marco Baratto



Commenti

Post popolari in questo blog

RE MICHELE DI ROMANIA :TESTIMONE OCULARE DEL SECOLO BREVE

Commemorati a Como i soldati transilvani della Grande Guerra

Commemorazione soldati transilvani a Como